uno spazio dovuto..

..agli ultimi articoli di Marco Travaglio tratti da ciò che scrive su "il fatto quotidiano" e dal suo sito "voglio scendere".

Un giornalista odiato da molti politici sia "di destra" che "di sinistra" a causa della sua conoscenza dei fatti  e un giornalista che conosce i fatti e per di piu' ne parla e ne scrive non e' simpatico.

Non per niente un libro intervista a lui dedicato ha come titolo "il rompiballe".

Fra un pò potrà vantare di aver doppiato la boa dei 2 milioni di libri venduti nel quasi totale silenzio della stampa italiana,vanta tuttora il minor numero di recensioni tra gli autori in classifica.

Qualche timida apparizione avviene sui quotidiani più che altro quando lo si vuole trascinare nelle polemiche.

Un fenomeno editoriale ,indubbiamente negli Stati Uniti gli avrebbero già dedicato la copertina di "Time" e di "Newsweek".

Secondo me è il vero puro spirito del giornalismo,quel giornalismo che racconta l'altra faccia della medaglia ,quella faccia che a volte è più importante di quella che ci mostrano i "padroni del vapore".

Il 24 febbraio 2009 viene premiato dal DJV - Associazione dei Giornalisti Tedeschi - come miglior giornalista e scrittore per la libertà di stampa. Vincitore de "il premiolino 2010"

 

Barone Gabriele 12/3/09


Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano

Lo Statista di Casoria (ven, 26 mag 2017)
Ci sono giornate che partono subito bene, soleggiate e radiose, poi però arriva un nuvolone nero a rattristarle. È quel che ci è accaduto ieri, nell’apprendere che l’onorevole sottosegretario Gennaro Migliore da Casoria non verrebbe mai a cena con noi, mentre con Berlusconi perché no. L’ha detto lui a Un giorno da pecora. E quel […] L'articolo Lo Statista di Casoria proviene da Il Fatto Quotidiano.
>> leggi di più

Tutto è perdonato (gio, 25 mag 2017)
Rinfacciare a Renzi le sue bugie è come accusare Fabri Fibra o J-Ax di fare rap. Ma noi eravamo rimasti ai suoi proclami: “Un condannato, in un Paese civile, va a casa da sé” (30.8.2013), “Una sentenza definitiva dice che è colpevole: in un qualsiasi Paese dove un leader politico viene condannato, la partita è […] L'articolo Tutto è perdonato proviene da Il Fatto Quotidiano.
>> leggi di più

Stragi e autostragi (mer, 24 mag 2017)
Cosa direste se, dopo la strage di Manchester, qualche pezzo grosso dello Stato, della politica, delle forze dell’ordine e dei servizi segreti britannici si mettesse al lavoro non per scoprire e punire tutti gli esecutori, i complici e i mandanti della mattanza, ma per coprirli facendo sparire le loro carte e quelle degli inquirenti, lasciandoli […] L'articolo Stragi e autostragi proviene da Il Fatto Quotidiano.
>> leggi di più

Giovanni Falcone 25 anni dopo. Scarpinato: “Una verità a brandelli. Interessi politici oscuri tramano ancora” (mar, 23 mag 2017)
Roberto Scarpinato, lei dov’era il 23 maggio 1992, quando esplose l’autostrada di Capaci e si portò via Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e gli uomini della scorta? Alla Procura di Palermo, dove ero entrato un anno prima nel pool antimafia. Oggi, come ogni anno, anzi di più perché siamo al quarto di secolo, su Capaci si […] L'articolo Giovanni Falcone 25 anni dopo. Scarpinato: “Una verità a brandelli. Interessi politici oscuri tramano ancora” proviene da Il Fatto Quotidiano.
>> leggi di più



Scrivi commento

Commenti: 9
  • #1

    angelocarcasole@libero.it (giovedì, 28 ottobre 2010 18:10)

    REPORT- 24 ottobre 2010 - commento per Travaglio
    Ascoltando la trasmissione “REPORT” su RAI/3 del 24/10/10, ho appreso che la soc. Mondadori ha potuto utilizzare la sanatoria (condono) del 5% del valore della controversia previsto dall’art. 3, comma 2bis, del DL n. 40/10 convertito nella legge n. 73/10 e spiegato nella circolare n. 37/E del 21/06/2010 paragrafo 6.
    La sanatoria consisteva nel dover versare una somma pari al 5% del valore della controversia entro il 25/08/2010 per tutte le vertenze tributarie incardinate a data antecedente il 25/05/2000, cioè che il ricorso di primo grado sia stato iscritto a ruolo entro e non oltre la data del 25/05/2000, decennio antecedente la data di pubblicazione della legge n. 73/10 di conversione del D.L. n. 40/2010.
    Secondo la normativa potevano esercitare tale diritto di sanatoria solamente i contribuenti che avevano una pendenza tributaria presso la Corte di Cassazione (o presso la soppressa Commissione Tributaria Centrale) e che avevano ottenuto le sentenze favorevoli in primo e secondo grado (Commissione Tributaria Provinciale ed in Commissione Tributaria Regionale), pertanto nella norma erano fissati paletti precisi e la Circolare n. 37 succitata ricordava che i requisiti non possono essere diversi: ad esempio se un contribuente aveva ottenuto una sola sentenza favorevole oppure che la Cassazione aveva deciso “in diritto” ed aveva, per il merito, rimesso la decisione alla Commissione Tributaria Regionale.
    Il cittadino comune non è a conoscenza di quante siano le vertenze pendenti e quali erano i soggetti che potevano sicuramente essere pochi in quanto sembra che la norma sia stata fatta su misura di qualcuno.
    Quando la trasmissione “REPORT” ha riportato che la società Mondadori aveva aderito alla sanatoria versando euro 8,6 milioni anziché poter versare euro 171 milioni, salvo errori, allora è nato il sospetto.
    La stranezza con la riflessione di oggi è proprio la formulazione della norma di sanatoria, che la stampa non ha dato risalto al fatto riportato nella trasmissione di REPORT e sarebbe stato curioso conoscere il numero dei contribuenti ed i nominativi che hanno aderito a tale condono per sapere chi sono stati i fortunati vincitori e quali sono gli importi che tali soggetti avrebbero potuto versare a sentenza pronunciata.

  • #2

    anna e fulvio (venerdì, 22 aprile 2011 14:48)

    menomale che ci siete voi a svelare i segreti di questi farabutti

  • #3

    Viagra no prescription (martedì, 12 luglio 2011 15:29)

    Mi piace tutto di postare, questa pagina è molto buono, grazie per la pubblicazione,
    e spero di continuare a pubblicare molto di più su questa cosa.

  • #4

    carlo (mercoledì, 16 novembre 2011 10:08)

    due parole su amato. prende trentaduemila euro di pensione al mese più quelli del parlamento europeo. non si vergogna quando era presidente del consglio ci tolse gli assegni familiari che affamavano l'italia gli auguro ogni cosa

  • #5

    enzo (giovedì, 22 marzo 2012 20:00)

    finchè gli operai con un salario di circa mille euro rimangono passivi, possono dormire sonni tranquilli.....

  • #6

    Ander (giovedì, 31 maggio 2012 19:22)

    Appreciate your info

  • #7

    Daunia Notizie (mercoledì, 15 agosto 2012 22:23)

    menomale che ci siete voi a svelare i segreti di questi farabutti

  • #8

    Juicers Reviews (venerdì, 19 aprile 2013 16:33)

    I just shared this upon Facebook! My pals will really want it!

  • #9

    DoWnovan (venerdì, 05 giugno 2015 21:55)

    ChiaOOOOOOooOOo!